Travels

Mar 7 2019

Verifica Partita IVA – CODICE IVA NON VALIDO, recupero partita iva.

#Recupero #partita #iva


Verifica Partita IVA CODICE IVA NON VALIDO/NON CORRETTO

In queste ultime settimane, a quanto sembra, sono parecchie le persone che in procinto di effettuare un acquisto da Internet si trovano impossibilitati nel farlo. Cè anche gente che è stata richiamata dal proprio fornitore di servizi e si è sentito dire che la P.IVA (che peraltro era attiva da anni e anni) risulta improvvisamente non più valida?

Il motivo è che, molti sistemi di pagamento internazionali, per verificare la partita IVA di una certa azienda, fanno uso di un tool fornito dall Agenzia delle Entrate.

Se hai una P.IVA non valida&, inserendo in questo tool e dando linvio ti comparirà una schermata con la scritta (in rosso): CODICE IVA NON VALIDO/NON CORRETTO

Il servizio “Partite IVA comunitarie” fornisce informazioni limitatamente allo status di “operatore intracomunitario” di una partita IVA italiana ovvero di un altro Stato membro dell’Unione Europea. Questo comporta che vengono considerate valide (CODICE IVA VALIDO) solo le partite IVA che, in base a quanto previsto dalle norme nazionali, sono inserite negli archivi informatici nazionali dei soggetti autorizzati a porre in essere operazioni intracomunitarie.

Non si fa pertanto riferimento in senso generico all’esistenza di una partita IVA ai fini nazionali.

Per quanto riguarda l’Italia vale quanto riportato nel sito dell’Agenzia

“Home Cosa devi fare Richiedere Partita Iva Controllo partite Iva intracomunitarie Scheda informativa”:

: “Le modalità di diniego o revoca dell’autorizzazione nonché i criteri e le modalità di inclusione delle partite IVA nell’archivio sono regolati dai provvedimenti del Direttore dell’Agenzia del 29 dicembre 2010, n. 2010/188376 e n. 2010/188381, emanati anche nel rispetto dei principi e delle disposizioni contenuti nel Regolamento (Ue) N. 904/2010”.

Da un punto di vista tecnico, in Italia queste nuove regole sono state applicate a partire dal 24 febbraio 2011 e, di conseguenza, a partire da tale data le posizioni ai fini comunitari di alcune partite IVA sono state riviste: alcune non risultano più inserite nell’archivio dei soggetti autorizzati a porre in essere operazioni intracomunitarie mentre per altre è stata modificata la data di fine validità sempre ai fini comunitari.

In realtà leggendo altri forum sembrerebbe che il problema non sia solo dovuto al fatto della nuova legge… ma che ci sia qualche problema/bug nel database dellAgenzia delle Entrate e che a quanto pare si siano persi dei pezzi. Conviene quindi segnalare la cosa allagenzia delle Entrate e far aggiornare i dati.

In bocca al lupo a tutti e se potete, scrivete la vostra esperienza di seguito nei commenti!


Written by CALIFORNIA


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *